Ristorante La Pergola di Roma Hot

 
4.1 (10)
32413  

Recensione Utenti

4 recensioni con 4 stelle

10 recensioni

 
(4)
 
(4)
 
(2)
2 stelle
 
(0)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.1
 
4.0  (10)
 
4.6  (10)
 
4.6  (10)
 
3.3  (10)
Torna all'articolo
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Cucina
Servizio
Ambiente
Qualità/prezzo
Ristoranti
Commenti
4 risultati - visualizzati 1 - 4  
 
Per Ordine 
 
Voto medio 
 
3.8
Cucina 
 
4.0
Servizio 
 
3.0
Ambiente 
 
5.0
Qualità/prezzo 
 
3.0

La pergola

Lo chiamano un Tedesco a Roma tra i fornelli,
Ci sarebbe piaciuto conoscerlo di persona, ma non è stato possibile.
La Roma storica è affascinante e ci fa sentire orgogliosi di essere Italiani.
La Pergola con la sua terrazza su questa città ci ha lasciato senza fiato... bellissima.
Dal momento dell'uscita da quell'ascensore al 9 piano.. bè si è aperto un mondo che da tempo avevo sognato di visitare.

La tavola incantevole, i fiori gli arredi le candele sensazioni notevoli.
Il cibo eccellente, alcuni piatti fin troppo complicati da capire, non è una critica è solo la sensazione di ciò che ci avete fatto respirare.
Forse poco dialogo da parte del personale, o meglio troppo freddo, mancava qualcosa che chiamerei semplicemente "un pizzico di normalità".
I vini sono stati grandiosi e qui abbiamo conosciuto il vostro sommelier Matteo, ecco con lui abbiamo trovato quelle coccole che un cliente cerca, che anche noi cercavamo.

Amo la Ristorazione,l'innovazione e sono pronto a tutte quelle esperienze che una tavola un cuoco possono regalare, ma amo ancora di più i rapporti umani, le parole i racconti di vita i racconti dei piatti delle tradizione e sinceramente su questo sono rimasto un po’ perplesso,
TUTTO forse troppo costruito e privo di sincera spontaneità.
Comunque sia, una esperienza ricca di emozioni da non dimenticare..
E come sempre, grazie a te Antonella, compagna di pazzie di tour eno/gastronomici e semplicemente grazie per la donna che sei , meravigliosa ed unica

Flavio
Di tutto questo grazie a te che l’hai voluta fortemente Flavio!!!

Antonella
Scritta insieme Flavio ed Antonella giovedì 21 Novembre 2013

Trovi utile questa opinione? 
Voto medio 
 
3.5
Cucina 
 
3.0
Servizio 
 
4.0
Ambiente 
 
5.0
Qualità/prezzo 
 
2.0

Delusione

Sono spesso in ristoranti stellati e ne prediligo uno in particolare in centro Italia. Ma la curiosità di provare la cucina di Hanz era tanta. Il locale è incantevole, la vista su Roma è un quadro. Impeccabile il servizio. Purtroppo non abbiamo optato per il menù degustazione e abbiamo fatto scelte varie. Interessanti gli abbinamenti ma le porzioni erano veramente troppo troppo minuscole. Neanche la porzione di una entrata di cortesia è cosi microscopica.
Forse da tornare provando il menù degustazione!!?... Vedremo. La delusione è stata tanta.

Trovi utile questa opinione? 
Voto medio 
 
4.0
Cucina 
 
4.0
Servizio 
 
5.0
Ambiente 
 
4.0
Qualità/prezzo 
 
3.0

BUONA LA PRIMA

vado per la prima volta in uno dei templi della cucina italiana, emozionato e incuriosito vengo accolto dal personale di sala veramente di prim ordine professsionale, impeccabile ma mai troppo insistente anche se sempre presente.la cena inizia con un piatto offerto che è una rivisitazione della bruchetta con vongole, buona ma nulla di eccezionale,come antipasti prendiamo una ricciola su ghiaccio, molto scenografica ma leggermente sbilanciata sul salato-acido e la coda di vitello, bella presentazione ottima temperatura anchese il pomodoro al di sotto della coda era troppo salato e leggermente acido.
continuiamo prendendo lo spaghetto, il piatto della serata perfetta acidità contrastata dal pesto profumato e da dei tartufi di mare sugosi e di consistenza, e i "famosi" fagottelli la pergola un esplosione di gusto.
a seguire ordiniamo un astice su melanzana e cous cous al pomodoro buono nell'insieme ma l' astice era un po asciutto e gommoso.
ed un vitello con mortadella, cottura perfetta si scioglie in bocca,pure eterea e croccantezza delle patate fantastiche, forse un particolare la mortadella prendeva il soppravvento sul gusto della carne.
per concludere prendiamo un suffle al caffe,buono nella sua semplicità e grande servizio da parte dei camerieri,e sable al cioccolato con gelato alla fragola, piccolo particolare che viene decorato con della salsa al basilico che sembra un po troppo scura confronto ai colori brillanti che si vedono nei piatti precedenti(es. pesto per gli spaghetti)
tutto sommato cucina di estrazione mediterranea(largo uso del pomodoro e verdure)con grande mestiere da parte dello chef, anche se bisogna dire per onor della cronaca che nel complesso risulta tutto un po troppo sapido,con alcuni particolari lasciati al caso, anche se magari voluto per rendere il concetto di perfezione degli essseri umani e non di robot.

Piatto più apprezzato
spaghetti con acqua di pomodoro e tartufi di mare
Trovi utile questa opinione? 
Voto medio 
 
3.5
Cucina 
 
3.0
Servizio 
 
5.0
Ambiente 
 
3.0
Qualità/prezzo 
 
3.0

3 stelle michelin ma attenzione!

Se si va alla pergola bisogna accettare che si entra nella logica della Michelin. Personalmente non mi e' piaciuto. O meglio, vedo la perizia tecnica dello chef e della sua cucina, ma personalmente non ci vedo cuore. Piatti lussuosi dove manca a volte una logica. Cosa aggiunge un cucchiaio di caviale ad un fiore di zucchina gia' fritto divinamente? Nulla, a parer mio + Che senso hanno 8 tipi di sale, quando poi te li fannno assaggiare con pane di pessima qualita'? che senso ha una carta delle acque con bottiglie da centinaia di euro (ma esistono anche scelte normali, tranquilli)?. Servono il tonno rosso e il caviale (in via di estinzione), non c'e' alcuuna menzione di uso di prodotti locali. Ho assaggiato del vitello con ripieno di mortadella totalmente sbilanciato (si sentiva solamente la mortadella) da non giustificare assolutamente il prezzo. (o un agnello con ripieno di carciofi che non sapeva assolutamente di agnello)
+... e poi sfoggio delle solite, noiose spume.
Il menu' prevedeva anche topinambur (a maggio!) e un dolce a base di melograno (a maggio!).
Grandissima carta dei vini
Considerando il posto e la ricercatezza dei piatti (quelle brunoise e quenelle perfette!), il menu degustazione a 198 euro per 9 portate, ci sta anche... ma, ed e' un grande MA, ci si deve rassegnare che qui si entra in un ristorante che ha una sua logica (quella degli stellati Michelin di grande lusso) e che fornisce un tipo di cucina molto preciso: ad effetto, dove e' importante mostrare uso di ingredienti molto costosi (caviale, tartufo e tonno rosso, ad esempio). Che poi ci sia cuore in quella cucina, che dia vera soddifazione, che ci sia poesia e che abbia il coraggio di scelte piu' radicali, e' un altro discorso. ad onore delle chef, alcuni piatti sono molto buoni: i fagottelli con ripieno di salsa carbonara. buona anche l'idea del recupero di ricette tradizionali, anche se poi la loro esecuzione era discutibile (vedi sopra: vitello con mortadella e agnello)

Ah, dimenticavo: se siete vegetariani, butta male. non un solo piatto in vista.
... a proposito: la vista e' bella (anche se potrebbe essere qualunque citta', considerando la posizione dell'hilton rispetto al centro), la stanza di un'eleganza molto zeffirelliana. De gustibus. (ma il pane era veramente terribile. vergogna!) servizio formale ma non ingessato. bravi. obbligo della giacca per gli uomini.

Piatto più apprezzato
fagottelli ripieni di salsa carbonara. molto buoni.
Trovi utile questa opinione? 
4 risultati - visualizzati 1 - 4  
 
 

Altri contenuti interessanti su QRistoranti